dolore ai piedi
Dolore ai piedi: le cause più comuni e i rimedi

Male ai piedi? Ci possono essere tante cause diverse: vediamo insieme le principali

Dire dolore ai piedi vuol dire tutto e vuol dire nulla. Ci sono infatti tantissimi motivi diversi per i quali è possibile avere male ai piedi, e ci sono ovviamente dolori molto diversi l’uno dall’altro. È possibile avere dolore ai piedi dopo aver tenuto delle scarpe con il tacco alto per una giornata intera (un vero classico durante i matrimoni) o magari dopo un giorno passato sugli sci con degli scarponi da sci presi a noleggio o ancora, dopo aver indossato delle scarpe nuove per correre al parco. In tutti questi casi, si tratta di un dolore ai piedi quasi scontato, prevedibile, il cui motivo non è certo difficile da individuare.

Altre volte, invece, si ha a che fare con qualcosa di più complesso: il dolore ai piedi può infatti avere delle cause muscolari, scheletriche, dermatologiche, vascolari e persino neurologiche. Vediamo qui alcune delle cause più comuni del dolore ai piedi, con le relative soluzioni.

Dolore ai piedi: le patologie e i problemi più comuni

Alluce valgo

L’alluce valgo è un problema molto diffuso. La deformazione progressiva del primo dito del piede può essere indolore oppure, con il passare del tempo, dolorosa: non si tratta, insomma, esclusivamente di un fatto estetico. Oltre alla classica ‘cipolla‘ a livello della testa del primo osso metatarsale, infatti, ci può essere il dolore causato dall’infiammazione, che ovviamente è destinato a peggiorare con lo sfregamento con la tomaia della scarpa. Esistono varie soluzioni: quella estrema, per i casi più gravi, è l’operazione chirurgica, ma ci sono tanti step precedenti. Prima di entrare in sala operatoria è possibile per esempio fare della fisioterapia, e quindi degli esercizi per rallentare la deformazione dell’alluce, ricorrendo eventualmente a degli antinfiammatori per ridurre la borsite. Esistono poi delle protezioni in gel per l’alluce valgo e dei correttori notturni che possono aiutare a eliminare dolore e a rallentare lo spostamento dell’alluce.

[ps_product_list id_product=199,201,226]

Piede piatto

Altro grande classico tra i dolori del piede è il piede piatto, che non ha certo bisogno di presentazioni. Si tratta dell’abbassamento dell’arco plantare, e quindi della pronazione eccessiva del piede sottocarico. Vista l’errata posizione del piede, il piede piatto può portare a problemi ulteriori nel tempo, alle caviglie e alle ginocchia. La prima e più importante soluzione per combattere il piede piatto è l’utilizzo del plantare per piedi piatti, al quale è bene accompagnare un rinforzo muscolare attraverso esercizi mirati. L’operazione chirurgica è prevista solo nei casi più gravi.

[ps_product_list id_product=35,115]

Piede cavo

Altra causa piuttosto comune di dolore al piede è il piede cavo, un problema contrario a quello appena visto. In questo caso l’arco plantare è eccessivamente concavo, il che può portare a un eccessivo sovraccarico dell’avampiede e del calcagno, alla formazione continua di callosità, a problemi ai tendini e via dicendo. Anche in questo caso, la prima e principale soluzione è costituita dall’uso di appositi plantari ortopedici.

[ps_product_list id_product=30]

Spina calcaneare

Il dolore ai piedi localizzato al tallone non è certo raro. Talvolta si tratta di un’infiammazione del tallone, meglio, dell’infiammazione dell’inserzione tendinea, la quale alla lunga può portare alla spina calcaneare, ovvero a una calcificazione che si sviluppa molto lentamente. Il dolore aumenta durante la deambulazione, per la presenza stessa della calcificazione: per ridurre il dolore e risolvere il problema sono previsti esercizi e stretching, nonché l’utilizzo di alzatacchi o talloniere per spina calcaneare, provvisti cioè di un apposita imbottitura che, all’occorrenza, può essere tolta.

[ps_product_list id_product=113]

Occhio di pernice

Infine, un ultimo classico tra chi accusa dolore al piede. L’occhio di pernice è un ispessimento superficiale della pelle. Si tratta di ispessimenti più profondi e tendenzialmente più dolorosi rispetto ai calli, e compaiono solitamente dopo aver indossato scarpe troppo strette. Per risolvere il problema si utilizzano strumenti per l’abrasione manuale della callosità.

[ps_product_list id_product=208,209,212]

Fai una ricerca per…

Gli ultimi arrivi a catalogo

[ps_product_list id_category=33 n=5 p=1 tpl=product-list.tpl]